Archivi tag: perdita

EFT PER LASCIARE ANDARE L’ANNO CHE FINISCE

di Marco Pellegatta

www.liberapresenza.it    info@liberapresenza.it

Utilizziamo EFT per lasciare andare quello che è accaduto nell’anno che finisce.

Siamo fatti anche di abitudini, credenze limitanti e fantasie che hanno origine in quello che abbiamo vissuto. Ecco allora l’importanza di liberarsi da tutto ciò, per orientare la nostra energia verso la realizzazione di nuovi propositi.

EFT, la Perdita e la Nuova Realtà (audio in 432 hz)

di Danilo B. Ratti

(Per prenotare sedute individuali: cell. 340.2816049facebook.com/danilorattiformazione)

EFT e la Perdita e la Nuova Realtà

Quante cose, persone, situazioni, eventi “perdiamo”? In realtà non perdiamo proprio nulla, semplicemente nella vita… si cambia!

Tutto l’Universo cambia ogni istante: non dirmi che tu credevi di essere immune al cambiamento, vero!?  🙂

Se ci riferiamo ad una situazione che è passata/cambiata, se ORA-ADESSO abbiamo un malessere o un pensiero pesante o ricorrente sul fatto che essa “sia cambiata” o che per esempio “mi manca”, oppure se nel ripensarla non ho piacere, serenità o neutralità, vuol dire che c’è ancora qualcosa da sviscerare e picchiettare, che non ho elaborato, a riguardo.

Esistono sempre insegnamenti dietro ogni cosa che lasciamo andare. Più “molliamo” e, magicamente, più siamo liberi. Lo dice pure il Buddha: non ti attaccare alle cose! Vivi il Presente pienamente ogni istante, il Qui e Ora! Sei già in una Nuova Realtà!

Quindi… clicca play sull’audio qui sotto e cominciamo a fare EFT insieme per lasciare andare quello che percepisci come una perdita!

[questo audio è stato convertito in 432 hertz, la “frequenza divina”]

EFT e la morte

di Barbara Žetko

www.eft-trieste.itinfo@eft-trieste.it

Questo giro di EFT affronta solo di sfuggita un tema molto  delicato .  L’intenzione è unicamente quella di ricordarti di scegliere anche episodi del tuo passato legati a questo tema.  Molto spesso infatti tendiamo a considerarlo un tabù e preferiamo affrontare altre problematiche meno sensibili e dolorose.